Da swine flu a swine flop: «La pandemia più leggera della storia, forse»

Pubblicato: dicembre 11, 2009 in Politica
Tag:, , , ,

Era stata presentata come l`undicesima piaga d`Egitto ma più passa il tempo più ci si rende conto che la Nuova influenza non è altro che “una normale influenza”, come recita anche lo spot del Ministero del Welfare. A confermare questa tesi è anche uno studio pubblicato sulla rivista americana PloS Medicine in cui si sostiene che “se l`andamento dell`infezione continuerà come è stato finora, si potrà dire che si è trattato di un`epidemia di media intensità”. Mentre per l`epidemiologo Marc Lipsitch, dell`università di Harvard, tra i curatori dello studio su PloS Medicine, “siamo con tutta probabilità di fronte alla più leggera pandemia della storia”.

Le previsioni smentite – Si è trattato dunque di un allarme ingiustificato? Certamente no, dal momento che questa forma aggressiva di influenza ha causato il maggior numero di vittime tra le cosidette “categorie a rischio”, quelle persone che presentavano patologie pregresse, aggravate in modo fatale dal virus A/H1N1. È innegabile però che la campagna informativa portata avanti da diverse organizzazioni mondiali e nazionali negli scorsi mesi aveva fatto previsioni smentite dagli effettivi casi di Nuova influenza registrati. La scorsa estate, ci si aspettava tra le trentamila e le novantamila vittime mentre, secondo i calcoli dello stesso Lipsitch, ad oggi le persone che hanno perso la vita a causa della Nuova influenza superano appena le diecimila unità e solo nello scenario più grave si potrebbe arrivare a sessantamila. Tra questi, purtroppo, numerosi bambini. “Resta di per sé una tragedia”, commentano gli esperti Centro europeo per il monitoraggio delle malattie (Ecdc), che riconoscono però la bassa mortalità registrata a livello mondiale.

In Italia – Anche nel nostro Paese, dopo il picco toccato nel mese scorso, il numero dei casi di Nuova influenza è diminuito. Secondo i dati del ministero del Welfare, aggiornati al 9 dicembre scorso, le morti per virus A/H1N1 in Italia sono state fin ora 137, con un tasso inferiore rispetto alla mortalità causata dall`influenza stagionale. In costante riduzione in tutto anche gli accessi agli ospedali e i ricoveri. Secondo i dati riportati dalla rete Influnet, rileva il ministero, la mortalità è pari allo 0,0033% sul totale dei casi segnalati al sistema di sorveglianza, contro lo 0,2% riscontrato nella normale influenza stagionale. La regione più colpita è la Campania, con 30 decessi, seguita dal Lazio con 14 vittime.

Il vaccino – La vaccinazione resta però fondamentale sia per preservare le categorie a rischio dal contagio sia per evitare ulteriori mutazioni ed ondate pandemiche. Le dosi somministrate finora sono state oltre 611mila e sono cominciati i primi richiami (oltre 1.600), sugli oltre 5 milioni di dosi di vaccino distribuite in tutto il Paese.

EF

Pubblicato su Salute24 l’11.12.2009

***

SEGUI EF’S BLOG SU FACEBOOK

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...