Caso Marrazzo: i punti oscuri della morte di Brenda

Pubblicato: novembre 23, 2009 in Politica
Tag:, , , , , , , ,

Sulla morte del transessuale Brenda, 32 anni, coinvolto nello scandalo che ha portato alle dimissioni del governatore della Regione Lazio, Piero Marrazzo, si indaga per omicidio volontario. Ad alimentare i sospetti che non sia trattato né di un incidente né di un suicidio, diversi elementi contrastanti che emergono dalla scena del delitto. Secondo alcune fonti, ad esempio, nell’appartamento sarebbero state trovate tracce di liquido infiammabile. Ma è l’intera dinamica a far sospettare che non si sia trattato di un incidente o di un suicidio: Brenda avrebbe prima sistemato il pc nell’acqua, poi avrebbe dato fuoco al borsone da cui si è sviluppato il fumo e alla fine si sarebbe sdraiato sul letto. Peccato che morire intossicati nel sonno è impossibile e vedremo tra breve per quale motivo. Un suicidio anomalo.

Più probabile, invece, è che Brenda sia stato ucciso. Stordito magari e poi lasciato morire lentamente, intossicato dai fumi sprigionatisi dalla valigia. E mentre il fuoco si sviluppava, qualcuno ha messo il computer portatile – di cui conosceva i contenuti – nell’acqua, in modo da salvarlo dall’incendio che forse non si è sviluppato come avrebbe dovuto. Sarebbe poi utile sapere che fine hanno fatto le chiavi dell’appartamento, trovato chiuso dall’interno. Che sia un omicidio, insomma, non ci sono dubbi e la scena stessa del ritrovamento del corpo del transessuale lo conferma.

E’ convinto che si tratti di omicidio, infine, anche il criminologo Francesco Bruno, che commenta: «Brenda è stata uccisa perché parlava troppo. Chi tiene in mano questo gioco non ha interesse a che si scoprano i segreti che decine di persone ricattate, come lo era Marrazzo, non vogliono divulgare. Brenda era assediata dai giornalisti, prima o poi avrebbe detto qualcos’altro». E aggiunge: «Si parla di asfissia da fumo ma il fumo di un incendio, con il catrame che contiene, ti prende la gola e ti fa tossire, è impossibile morire nel sonno. Invece lei è stata trovata al letto, evidentemente è stata uccisa o comunque sedata prima che venisse appiccato il fuoco».

EF

Scritto e pubblicato per il Picco.it

***

SEGUI EF’S BLOG SU FACEBOOK

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...