Nuova influenza: in Campania il triplo dei casi

Pubblicato: novembre 4, 2009 in Politica
Tag:, , ,

In Campania ci sono stati oltre 70mila casi di nuovi contagi durante la scorsa settimana, a fronte dei circa 240mila in Italia, e questo spiega la più alta mortalità registrata in questi giorni rispetto al resto del Paese». A fare il quadro della situazione legata alla diffusione della Nuova influenza è Gianni Rezza, epidemiologo dell`Istituto Superiore di Sanità che spiega come «in Campania sia stato registrato un tasso di nuovi contagi pari a 12 nuovi malati ogni mille abitanti, rispetto alla media nazionale che è del quattro per mille». «Per ora – prosegue Rezza – si sta cercando di capire se il maggior numero di contagi possa dipendere anche da una diversa fase più avanzata di maturazione dell`infezione. Una situazione di alta diffusione della Nuova influenza, comunque, la si è vista in altre città densamente popolate come New York».

Rischi mortalità – Il virus A/H1N1, sebbene si diffonda molto velocemente, si conferma comunque come poco letale rispetto al numero dei malati e la media dei decessi in Italia è dello 0,1 per mille. «I casi di polmonite virale primaria – prosegue Rezza – in persone senza fattori di rischio apparenti, sono stati molto limitati e la stragrande maggioranza dei casi guariscono senza la necessità del ricovero in ospedale. In Campania – aggiunge – quasi tutti i casi di morte si sono verificati in persone che avevano patologie pregresse, aggravate dall`azione del virus della Nuova influenza».

Effetti collaterali vaccino – Un discorso a parte, invece, è quello relativo al vaccino. «Tutti i farmaci – spiega Rezza – possono avere effetti collaterali ma in questo caso non si tratta di un vaccino `sperimentale`. Il farmaco è stato testato prima della messa in commercio ed è necessario, non appena sarà disponibile, vaccinare subito le categorie a rischio e gli operatori sanitari». E come raccomandazione finale Rezza torna a sottolineare come «non ci si debba recare in ospedale alla prima febbre ma contattare il proprio medico di famiglia che deciderà sul ricovero in ospedale. Diversamente – conclude Rezza – si rischia sia di stressare eccessivamente il Sistema sanitario nazionale sia di diffondere ulteriormente il virus».

EF

Pubblicato su Salute24 – Il Sole 24 Ore il 04.11.09

***

SEGUI EF’S BLOG SU FACEBOOK

commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...