Omicidio Basile: parla don Stefano Rocca

Pubblicato: settembre 10, 2009 in Politica
Tag:, , , ,

Due telefonate anonime in questura, lettere di minacce e scritte di insulti sul muro davanti alla parrocchia. Gli assassini di Giuseppe Basile, il consigliere provinciale dell’Italia dei Valori ucciso a coltellate nella notte tra il 14 e il 15 giugno 2008 a Ugento, in provincia di Lecce, hanno paura. Temono il parroco, don Stefano Rocca, che continua a spronare i cittadini del piccolo paese salentino a collaborare con gli inquirenti e temono chiunque osi rompere il muro di silenzio che da 15 mesi copre in modo assordante l’omicidio. 

 «Gli inquirenti stanno lavorando molto» spiega don Rocca a Diritto di Critica «e questo mi dà conforto. Manca però da parte della cittadinanza una collaborazione concreta. Chi ha sentito o visto qualcosa, parli. Quanto si sta vivendo a Ugento – sottolinea il parroco – non è un caso di omertà ma di paura. Giuseppe Basile è stato massacrato in un modo barbaro da una o più persone che sono ancora a piede libero. Proprio per questo, chi sa deve collaborare con gli inquirenti e l’invito è rivolto soprattutto a quelle persone che abitano  nelle vicinanze del luogo dove è avvenuto l’omicidio: dicano tutto ciò che hanno sentito o visto, raccontino agli inquirenti supposizioni e sospetti anche minimi perché potrebbero rivelarsi fondamentali per le indagini».

E se alcuni, fin dai primi momenti dopo il delitto, già parlavano di omicidio passionale, i mandanti potrebbero ritrovarsi in ben altri àmbiti che non le donne. Basile, infatti, prima di essere ucciso si era occupato di diversi progetti eolici che avrebbero interessato il Salento, della questione dei rifiuti di Burgesi e si era detto contrario alla costruzione di villaggi turistici nella zona. «A me non interessa quale tipo di verità verrà fuori – spiega il parroco – voglio solo che si faccia luce sull’omicidio. E’ comunque singolare che, subito dopo il massacro, diverse persone abbiano bollato il delitto come una questione passionale». E le dicerie in questo senso continuano. «Finché non si scoprirà la verità – aggiunge don Stefano – è bene rispettare la dignità della vittima. Mi chiedo poi – conclude il parroco – se qualcuno farà festa nel caso in cui le indagini dovessero confermare l’ipotesi del delitto passionale. Spero di no, questo è un fatto di sangue gravissimo, a prescindere dal movente».

Eppure, le parole e gli inviti alla verità da parte del parroco di Ugento hanno messo paura agli assissini di Giuseppe Basile che hanno reagito con messaggi e telefonate anonime, due fatte direttamente alla questura. «E’ stato detto che le chiamate, le lettere di minacce e le scritte con le bestemmie comparse davanti alla chiesa le avrei fatte fare io perché desideravo stare al centro dell’attenzione», spiega don Stefano, «è evidente l’assurdità di tali accuse, anche perché la Questura può risalire al mittente delle telefonate».

Uno dei maggiori oppositori a questa campagna a favore della verità sul caso Basile è, secondo don Rocca, proprio il primo cittadino di Ugento, Eugenio Ozza. «Subito dopo l’omicidio – spiega don Stefano – il sindaco mi ha criticato dicendo che i miei appelli potevano pregiudicare la stagione turistica del Paese, mentre invece è dovere di tutti e mio per primo denunciare. Per fugare ogni dubbio – aggiunge il parroco – alcuni giorni fa ho chiesto a diversi gestori come fosse andata la stagione e mi hanno risposto che è stato registrato il 20 per cento di presenze in più». 

A sostegno dell’operato di don Rocca, infine, si è costituito il comitato Io Conto  «per far capire ai cittadini – spiega il parroco – che, proprio come accade in una polis, tutti dobbiamo impegnarci nella vita del paese e che non si tratta di un àmbito per i soli addetti ai lavori. Gli amministratori – sottolinea don Rocca – sono dei servitori della cittadinanza, non è vero il contrario. Una politica che per non pregiudicare l’apparenza sceglie il silenzio – conclude – non la condivido».

Scritto per Diritto di Critica

***

DIVENTA FAN E SEGUI EF’S BLOG SU FACEBOOK

commenti
  1. sgrz scrive:

    clericali e anticlericali portano avanti la giostra delle ipocrisie
    le uniche vittime della pedofilia sono i bambini. se lo ricordi la Chiesa invece di gridare al complotto. se lo ricordino gli anticlericali che si svegliano solo perchè nell’occhio del ciclone c’è il Vaticano.

    Lo scandalo pedofilia coinvolge anche Joseph Ratzinger? gli interessi della Chiesa e quelli delle vittime di abusi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...