Mappa mondiale del razzismo, ecco i Paesi in cui essere gay è un reato

Pubblicato: agosto 25, 2009 in Politica
Tag:, , , ,

L’elenco che segue è un tremendo quanto retrogado stillicidio di razzismo su scala mondiale. Cercando di non dimenticarne nessuno, scriverò i nomi dei Paesi che nel mondo ancora considerano un reato l’omosessualità. Sette di questi la puniscono con la pena di morte. Da notare, inoltre, che in alcuni di questi Paesi viene fatta una distinzione tra omosessualità maschile e femminile e solo una delle due – solitamente i rapporti tra uomini – viene punita dalla legge. Un vantaggio per le donne? No, semplicemente l’ennesimo indizio che in alcune società viene preso in considerazione solo il maschio.

Reggetevi forte. Iniziamo.

In Iran, Mauritania, Sudan, Emirati arabi uniti, Yemen, Arabia Saudita e Nigeria, l’omosessualità è punita con la pena di morte.

Nell’Africa del Nord l’omosessualità è reato ovunque, tranne che in Egitto, dove comunque viene punita con leggi riguardanti la morale. Restando sempre nel continente africano, essere gay viene punito per legge in Gambia, Guinea, Gana, Liberia, Mauritania, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Togo, Angola, Camerun, Botswana, Lesotho, Namibia, Swaziland. In Africa Orientale è reato ovunque, tranne che in Madagascar e in Rwanda.

Nel continente americano, invece, l’omosessualità è reato in Belize, Antigua, Barbados, Grenada, Giamaica, Trinidad e Tobago e in Guyana.

In Medio Oriente l’omosessualità è reato ovunque tranne che in Israele, nei Territori palestinesi (quella maschile è reato a Gaza), in Giordania e Iraq.

Passiamo al continente asiatico. Essere gay viene punito per legge in Turkmenistan, Uzbekistan, in tutta l’Asia meridionale ad eccezione dell’India, nel Brunei, in Malesia, in Myanmar e Singapore.

L’omosessualità resta reato anche in diversi Paesi dell’Oceania: Papua Nuova Guinea e Isole Salomone, nelle isole Figi, a Nauru, Kiribati, Tonga, Kivalu e nelle Isole Cook.

Unico continente ad aver depenalizzato l’omosessualità in tutti gli Stati in cui è suddiviso è l’Europa, dove l’ultimo Paese che ha eliminato il reato è stata la Repubblica turca di Cipro. Da sottolineare che anche lo Stato Vaticano non considera un reato essere gay.

Le conseguenze di questa discriminazione non sono poche. Fino alla depenalizzazione avvenuta il 2 luglio scorso, ad esempio, in India chi veniva accusato di “sesso contro natura”, poteva finire in carcere fino alla fine dei suoi giorni. Non si contano poi le aggressioni – basta guardare al recente caso romano – e i suicidi.
Un altra conseguenza non trascurabile è poi di natura sanitaria. Nei Paesi in cui l’essere gay viene considerato un reato, infatti, milioni di omosessuali affetti dal virus dell’Aids non denunciano la loro condizione per paura del carcere e non accedono alle cure mediche.

Nei sette Paesi elencati all’inizio di questa assurda lista, chi è gay rischia addirittura la pena di morte ed è rimasta famosa la battuta del presidente iraniano, Mahumd Ahmadinejad quando, davanti alla platea della Columbia University, disse che ”In Iran non esistono omosessuali”. E sempre in Iran, lo scorso anno, Makwan Muludzadeh, un ragazzo di soli 20 anni, è stato impiccato perché riconosciuto colpevole di aver compiuto atti di ”sodomia” sette anni prima. Ed è lo stesso Iran che non ha ratificato la Convenzione internazionale per i diritti delle donne, firmata da molti Paesi, anche islamici.

Eppure, basta guardare l’immagine iniziale inserita in questo articolo – il manifesto di Forza Nuova – per capire che il cammino verso il rispetto e il riconoscimento reciproco è ancora lungo anche nei Paesi in cui la legge non considera reato l’omosessualità. Questione di intelligenza prima che di civiltà.

EF

***

DIVENTA FAN E SEGUI EF’S BLOG SU FACEBOOK

commenti
  1. melandroweb scrive:

    Non sapevo che per il Vaticano fosse reato essere gay

  2. Giuseppe taddeo scrive:

    seppure consapevole dei rischi che ho corso e ho fatto correre al partner di turno, devo dire che ho avuto esperienze sessuali nello Yemen, in Malesia, Tunisia e Marocco. Convinto che dove vi è il pribizionsimo, la trasgressione della regole assume una intensità più forte. quello che mi è rimasto è la sofferenza dell’altro per la clandestinità delle emozioni che presumo abbia vissuto con me. Ne va di mezzo la possibilità di espressione della propria identità e il bisogno di omologarsi alle richieste delle società omofobe.

  3. […] L’omosessualità all’epoca era considerata reato e conosciuta come sodomia. Nonostante sia passato più di un secolo, sono ancora molti i paesi che condannano giuridicamente l’omosessualità, anche se nessuno di questi in Europa. Essere gay è reato in quindi paesi del continente Africano, in altrettanti paesi del Mediooriente e in alcuni paesi del SudAmerica, dell’Asia e dell’Oceania, per un toale di circa 90 paesi nel mondo. […]

  4. […] Secondo voi, cari lettori, è possibile considerare l’omosessualità un reato?? Per alcuni paesi lo è. …Per saperne di più… […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...