Il Ros perquisisce casa e uffici di Gioacchino Genchi

Pubblicato: marzo 13, 2009 in Politica
Tag:, , , , , , ,

Mentre vi scrivo i carabinieri del ROS di Palermo stanno perquisendo l’abitazione e gli uffici di Gioacchino Genchi. L’operazione sarebbe nata dopo una denuncia per accesso abusivo nell’anagrafe tributaria di due persone residenti a Parma e Milano, la cui identità non è stata ancora resa nota. A denunciare la violazione, una segnalazione pervenuta ai magistrati di Roma da parte della procura di Marsala, la stessa con cui proprio Gioacchino Genchi collaborò durante le ricerche di Denise Pipitone.

Per anni al servizio delle procure di mezza Italia, Gioacchino Genchi sta passando le stesse traversie subite da Luigi De Magistris, per aver indagato nelle inchieste Why Not e Poseidon.

Le persone oneste e i funzionari dello Stato (Genchi è un vicequestore della Polizia) vengono messe sotto inchiesta, i corrotti invece, dall’alto dei loro scranni, osservano indisturbati. E impuniti.

EF

commenti
  1. lorenzo pellegrini scrive:

    ciao Emilio. Ho visto che molta stampa esulta. E qualcuno vuole farci credere, usando condizionali studiati, che i Ros avrebbero trovato a casa di Genchi i famosi archivi segreti. Per il momento non mi pare ci siano notizie certe in questo senso, ma intanto la percezione della gente è che Genchi abbia compiuto violazioni gravissime. il messaggio che stanno cercando di far passare è proprio questo. Guido Ruotolo sulla Stampa di oggi, per esempio, ci ricama sopra, come al solito. Lo stesso Guido Ruotolo che Genchi cita nel suo blog come uno dei giornalisti che si stanno occupando di demolire la sua immagine. Un altro sarebbe Farina (l’agente segreto Betulla: simpatico personaggio, spesso presente in tv prima di essere radiato dall’albo dei giornalisti, e portato in parlamento nelle liste del PDL. Se tale è il tenore dei nostri agenti segreti, direi che possiamo cominciare a preoccuparci, anche di questo).
    Una osservazione. Secondo te, ammesso che esista un archivio segreto, il dottor Genchi sarebbe così stupido da tenerselo in casa?
    lorenzo

    • Redazione scrive:

      Ho pensato subito la stessa cosa: se qualcosa c’è, certo non se la tiene in ufficio. Ma le autorità di Genchi temono ben altri “segreti” e cioè le verità su Capaci e via D’Amelio, oltre – ovviamente – alle rivelazioni su Why Not e Poseidon…

  2. Redazione scrive:

    Nemmeno a farlo apposta: Roma, 13 mar. – (Adnkronos) – “Il motivo della mia delegittimazione nasce dalle inchieste sui mandanti esterni della strage di via D’Amelio in cui mori’ il giudice Borsellino e gli agenti della sua scorta. Nell’inchiesta Why not, in cui ho collaborato con il procuratore De Magistris, ho ritrovato, senza volerlo, le stesse persone in cui mi ero imbattuto nelle indagini di Caltanissetta sui mandanti esterni di quella strage”. Lo afferma Giocchino Genchi, l’esperto informatico indagato per abuso d’ufficio e violazione della privacy, in un’intervista al programma “Reality” che andra’ in onda domenica, 15 marzo, alle 23.40 su La7.

  3. lorenzo pellegrini scrive:

    vedi bene che ci possono essere implicazioni interessanti. come già scrissi sul blog di Roberto Galullo, certamente Genchi è un uomo intelligentissimo. Se veramente è al corrente di collegamenti e dettagli importanti, di certo non è il solo. e di certo si è cautelato. secondo me, non deve neanche temere per la sua vita, perchè avrà fatto in modo che se dovesse succedergli qualcosa, eventuali notizie sarebbero scoperte in ogni caso. E gli interessati lo sanno. stiamo parlando per ipotesi, ma le polizze sulla vita, non si sottoscrivono proprio ragionando sulle ipotesi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...