La morte dimenticata di un carabiniere in Algeria

Pubblicato: febbraio 11, 2009 in Politica
Tag:, , , ,

Sulla morte di Cristiano Brigotti in internet c’è poco. Nelle agenzie stampa ancora meno (solo la notizia della morte nello “storico” dell’Ansa). Carabiniere, 30 anni, sopravvissuto all’attentato di Nassirya, Brigotti è morto in circostanze poco chiare in un appartamento ad Algeri, il 12 dicembre del 2006. Nel resoconto di polizia e ambasciata, non mancano le stranezze. La prima però è tutta italiana: nel nostro Paese nessuno ha mai portato la vicenda agli onori delle cronache.
Ma andiamo con ordine e torniamo indietro al 2006, al 12 dicembre. Poco prima di Natale.

Stando a quanto sostengono le autorità algerine, il corpo di Cristiano viene ritrovato nella vasca da bagno del suo appartamento ad Algeri, in un ambiente saturo di gas. Il referto della prima autopsia, fatta il 14 dicembre successivo, parla invece di avvelenamento da monossido di carbonio, un gas perfettamente inodore che non ha nulla a che vedere con i fornelli di una normale stufa da cucina. Una relazione dell’ambasciatore Giovan Battista Verderame, inoltre, di cui diversi anni dopo è entrato in possesso Francesco Bianchi, legale della famiglia Brigotti, cita una misteriosa ragazza con cui Cristiano avrebbe avuto una relazione e che si sarebbe presentata all’appartamento poco dopo il ritrovamento del corpo. Un particolare, quello della ragazza, che non torna né ai genitori né agli inquirenti: perché il carabiniere sarebbe dovuto partire per l’Algeria (Paese ritenuto ad alto rischio per gli occidentali) per una “fuga d’amore”, senza dir nulla né alla famiglia né lasciare la fidanzata in Italia? C’è poi un’ultima discordanza che potrebbe però non essersi verificata grazie ad una serie fortunata di circostanze: se l’appartamento fosse stato effettivamente saturo di gas, con buona probabilità ci sarebbe stata un’esplosione. Numerose fotografie,  inoltre, mostrano diversi fori e prese d’aria sui muri dell’appartamento, circostanza che farebbe ritenere improbabile anche la saturazione per monossido di carbonio. Ma non è tutto. Anche la posizione del corpo del giovane carabiniere, al momento del ritrovamento, era anomala. Stando a quanto è stato riferito alla famiglia, Cristiano è stato ritrovato seduto nella vasca da bagno, con la testa bagnata, il corpo asciutto ma il rubinetto della doccia chiuso: chi si sente male non ha certo il tempo di chiudere l’acqua della doccia.

Mistero anche su chi avrebbe sfondato la porta della casa. Ai genitori di Cristiano è stato detto che era stata la polizia algerina ma il giornalista di Rainews24, Angelo Saso, nell’inchiesta che adesso è agli atti, ha scoperto che la porta venne forzata da uno dei proprietari dell’immobile, avvisato del forte odore di gas. Ed anche qui viene da chiedersi per quale motivo chi di sicuro aveva le chiavi dell’appartamento avrebbe poi dovuto forzarne la porta. E chi è entrato per primo, la polizia algerina o qualcun altro?

Cristiano Brigotti

Infine c’è la questione del computer del carabiniere: poco tempo dopo la morte di Cristiano, con una banale scusa un suo collega l’ha ottenuto dalla famiglia. «Vorremmo scaricare una fotografia», hanno detto alla sorella del carabiniere morto. Eppure, ad un’analisi successiva è risultato che proprio sul pc di Cristiano sono state fatte operazioni di masterizzazione per un giorno intero. Cosa cercavano i carabinieri nel computer del loro collega?
Il dubbio dei genitori è che Cristiano Brigotti sia stato arruolato dai Servizi Segreti per una qualche missione in Algeria e che per circostanze ancora da chiarire vi abbia trovato la morte. La versione ufficiale lo vuole in congedo e in vacanza all’estero per studiare l’arabo.
Strano anche un passaggio del comunicato emesso il 13 dicembre 2006, il giorno successivo al ritrovamento del corpo, dall’ambasciata italiana e riportato dall’Ansa: “Al momento non ci sono motivi che facciano pensare ad altre cause di morte”, diverse dalla fuga di gas. Perché tanta certezza se non era ancora stata fatta l’autopsia?
Nei prossimi mesi, infine, saranno resi noti i risultati dell’esame autoptico effettuato dalle autorità italiane nei giorni scorsi sul corpo di Cristiano, a due anni dalla morte. A dare mandato al medico legale è stato il magistrato Luca Palamara, presidente dell’Associazione nazionale magistrati (Anm), a cui il legale della famiglia Brigotti si è rivolto per riaprire le indagini.
E chi sa qualcosa, parli.

EF

Fonti: Repubblica – Archivio storico Ansa

***

APPROFONDIMENTO: INCHIESTA DI RAINEWS24 – Il servizio di CHI L’HA VISTO 

***

SEGUI EF’S BLOG SU FACEBOOK

 

commenti
  1. domenico scrive:

    Cristiano era un mio caro amico collega, ricordo che era un ragazzo semplice di una grande umiltà. La notizia della sua morte l’ho scoperta per caso su internet, non avrei mai immaginato tutto questo, ci sono rimasto male.
    ciao Cristiano

    • Redazione scrive:

      Mi dispiace……Ma non immagini per quale motivo possa essere partito?

      Emilio

      • Cristina scrive:

        Io conoscevo Cristiano, mi telefonò qualche tempo prima della sua morte, confermandomi esattamente la versione letta sopra. Mi parlò della ragazza in Algeria e ricordo che aveva anche una foto insieme a lei su internet. Mi disse che sarebbe partito congedandosi dall’Arma per imparare l’arabo.Ho un ricordo “sbiadito” della telefonata, ma questi punti erano talmente “strani” che li ricordo chiaramente.

  2. angi scrive:

    Sono una cara amica di Cristiano. Confermo la versione della ragazza in Algeria. Ne avevo diffusamente parlato a me e ad altri cari amici comuni dell’Arma di Laives. Non sapevo di questo mistero sulla sua morte, l’ho appreso solo stasera su Chi l’ha visto?.Con Cristiano abbiamo davvero parlato a lungo di questa ragazza e dell’attività che avrebbe voluto aprire ad Algeri.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...