Puniti per aver indagato

Pubblicato: gennaio 19, 2009 in Politica
Tag:, , , ,

In qualsiasi caso agli italiani importerà poco. Hanno il Grande Fratello e sono contenti.
Mi riferisco alla decisione del Csm per cui oggi è stato sospeso dall’incarico il procuratore capo di Salerno, Luigi Apicella, e trasferiti – oltre al pg di Catanzaro Enzo Jannelli e al suo sostituto Alfredo Garbati – i due pm Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani coinvolti nell’inchiesta caso De Magistris. A margine della vicenda, poi, il Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Luca Palamara, commentando la decisione del Csm ha sottolineato come le istituzioni abbiano “gli anticorpi” per rispondere alle situazioni di crisi. Gli anticorpi? Questi secondo voi sono assimilabili ad anticorpi oppure siamo in presenza di un vero e proprio tentativo di insabbiare un’inchiesta che avrebbe fatto tremare non pochi palazzi del potere? Io proprendo per quest’ultima ipotesi. E concedetemi una battuta: trasferiranno anche i componenti del tribunale del riesame di Salerno che alcuni giorni fa hanno dato ragione ai colleghi della Procura proprio sul caso Why Not? C’è da temerlo. Fino a oggi, infatti, sono stati trasferiti nell’ordine: il magistrato Luigi De Magistris, il capitano Pasquale Zaccheo, il consulente informatico Gioacchino Genchi e l’ex ispettore della Banca d’Italia Piero Sagona. Tutti, a vario titolo coinvolti nelle indagini su “Why Not”. Carlo Vulpio, infine, giornalista del Corriere della Sera, non può più scrivere della vicenda. E pensare che l’Associazione Nazionale Magistrati ha lodato il provvedimento votato oggi il Csm. Questione di anticorpi.

EF

commenti
  1. Maser scrive:

    Oggi è il 19 Gennaio 2009.
    Giorno ufficiale dell’inizio della dittatura in Italia.

    • Redazione scrive:

      Eh eh…caro Maser speriamo di no. Ma se anche fosse, tranquillo, nessuno se ne accorgerebbe perché starebbero tutti quanti imbambolati davanti alla televisione.

      Emilio
      P.S.: la prox volta inserisci la mail corretta😉

  2. Paolo scrive:

    Caro mio, il vero problema è la disponibilità della magistratura ad autocensurarsi sperando di mantenere la propria autonomia. Ma non vedono che già si sono sottomessi al volere del governo? Noi continueremo a raccontare la verità, sperando che almeno qualcuno riesca ad indignarsi

  3. Fulvio scrive:

    E’ probabile che la dittatura inizia il 19/1/09.Però tutte le forze politiche sono implicate su queste vicende destra (De Magistris e ora Apicella) e sinistra (Forleo).E’ un vero schifo!!Il prototipo dell’ uomo politico italiano è VILLARI,attaccato alla poltrona a tutti i costi.Abbiamo bisogno di persone oneste,corrette,che agiscano in nome del bene della RES PUBBLICA e non solo ed esclusivamente per i loro porci comodi e interessi.Purtroppo gli italiani sono un popoli di ignoranti e abbiamo i politici che ci meritiamo!!Questa è una costatazione di notevole amarezza.

    • Redazione scrive:

      Caro Fulvio,
      io non fare distinzioni di destra e sinistra, semplicemente si tratta di affari che coinvolgono tutti per il semplice fatto che danno soldi. Poi la chiamano anche massoneria, in realtà sono solo faccendieri.

      Emilio

  4. Daniele scrive:

    ciò che sta succedendo in merito a why-not è davvero incredibile. questa vicenda è ormai spartiacque tra uno stato di diritto vero, pur con tutte i possibili difetti, e uno stato di diritto solo formale asservito alla politica ed alla grande finanza che in italia coincidono perfettamente.

    se andrà come vogliono i boicottatori di why-not (come di altre inchieste scottanti) potremo indire un funerale di massa e piangere sulla tomba della legalità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...