L’opposizione scende in piazza. Veltroni: “L’Italia è migliore di chi la governa”

Pubblicato: ottobre 26, 2008 in Politica
Tag:, , , , , , , , , , , , ,

L’opposizione c’è. Nella gente prima che nei leader politici. A dare un segno concreto, di democrazia vissuta e partecipata, sono state centinaia di migliaia di persone – qualcuno azzarda “più di un milione” – che hanno riempito prima le vie del centro di Roma e poi la spianata del Circo Massimo per aderire alla manifestazione indetta dal Partito democratico contro il governo.

Secondo Veltroni, inoltre, un tasto dolente dell’attuale maggioranza è costituito da una “comunicazione basata sulla menzogna, un inganno permanente”. E ne sarebbero parte gli slogan sulla riduzione delle tasse e gli annunci sulle faraoniche opere infrastrutturali che mai si realizzano. “Tra governare e prendere il potere – ha continuato Veltroni – c’è un’enorme differenza”.

E sul palco non ha usato i toni moderati che spesso gli sono stati rinfacciati, il leader del Pd, Walter Veltroni. Il nome Silvio Berlusconi l’ha pronunciato subito dopo i dovuti ringraziamenti ad organizzatori e forze dell’ordine, definendolo “inadeguato a fronteggiare la crisi finanziaria che stiamo vivendo”. Ma quella che sta vivendo il nostro Paese è anche una crisi della democrazia, “l’Italia – ha sottolineato il segretario del Pd rivolgendosi idealmente al premier – è un Paese antifascista ed è illiberale pensare che non si debba disturbare il manovratore. Per il presidente del Consiglio – ha continuato Veltroni – la democrazia è un fattore di disturbo, così come lo sono i giudici, i sindacati, la corte costituzionale e tutti coloro che ne discutono le scelte. Questo esecutivo – ha concluso – protegge soltanto i potenti, ma un italiano su tre è con noi”. L’Italia, secondo il segretario del Pd, “sa essere migliore di chi governa“.

 

Un ringraziamento il leader del Pd l’ha riservato anche a Roberto Saviano per il suo impegno a favore della legalità e ha concluso dicendo cheun’altra Italia è possibile, noi vogliamo far arrivare agli italiani un messaggio di fiducia. Le cose possono cambiare. Le cose cambieranno. Non c’è rassegnazione, non c’è paura, non c’è buio dopo il quale non venga la luce”. E tra le bandiere presenti al Circo Massimo anche alcuni vessilli dell’Italia dei Valori, i cui attivisti erano presenti per raccogliere le firme in vista del referendum per abolire il Lodo Alfano.

Non poteva mancare un affondo sulla scuola e sul decreto Gelmini: “Il governo ritiri o sospenda il decreto attualmente in discussione in Parlamento, modifichi con la Legge Finanziaria le scelte di bilancio fatte col decreto e avvii subito un confronto con tutti i soggetti interessati, giovani studenti, famiglie, docenti. Fissando un tempo al termine del quale è legittimo che le decisioni siano prese”. Secondo Veltroni è necessario cambiare il modo di vivere la democrazia che deve divenire realmente partecipativa: “noi faremo di tutto – ha dichiarato – per fare in modo che alle elezioni europee gli elettori possano esprimere il voto di preferenza”.

 

Al termine della manifestazione si è scatenata la guerra delle cifre: due milioni e mezzo secondo gli organizzatori del Pd, appena 200mila secondo il capogruppo dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri. Categorico l’ex-radicale e attuale portavoce del Pdl, Daniele Capezzone:Se dice che un terzo degli italiani è con il Pd, allora vuol dire che i due terzi sono con Berlusconi”. Mentre secondo il capogruppo del Pdl alla Camera, Maurizio Cicchitto, “il Circo Massimo può contenere solo 300mila persone”.

EF

Pubblicato su Il Periscopio

commenti
  1. homoeuropeus scrive:

    Passata la manifestazione del Circo Massimo abbiamo davanti un bivio: andare al circo, o andare al massimo?
    Se ti interessa leggi qui

  2. Guido scrive:

    “a Roberto Saviano per il suo impegno contro la legalità”… uhm, questo cambio di posizione da parte di Saviano mi spiazza un pochino. Per quanto riguarda la manifestazione qui c’è una bellissima battuta: http://www.spinoza.it/2008/the-day-after

  3. Redazione scrive:

    @ Guido: grazie! doveva essere “contro l’illegalità”😉

    Emilio

  4. Paolo scrive:

    Povera Patria..Cantava Battiato.Poveri noi dico io.Veltroni con “l’antifascismo”; Berlusconi con i “comunisti”.Tutti e due ad appigliarsi a cadaveri putrefatti per guadagnare consensi e non apportare niente di nuovo alla politica italiana.Povera Patria, cantava e canta Battiato.Veltroni canta Povero ” Questo Paese” che strano, i veltroniani non sono capaci di pronunciare ITALIA, “questo Paese”…ha bisogno, a “questo Paese” manca…… Penso di riavvicinarmi alla sinistra e ne resto immediatamente nauseato.”Questo Paese”,(ITALIA) MERITA UNA CLASSE POLITICA MODERNA E CON LE IDEE CHIARE.In Germania non continuano a parlare di “antinazismo” cosi come in Spagna non parlano di “antifranchismo”.Solo i nostri hanno paura dei cadaveri putrefatti.

  5. Redazione scrive:

    Caro Paolo, magari fossero CADAVERI PUTREFATTI. Magari. Purtroppo non è così e numerosi esempi di razzismo e inni al fascismo e all’antisemitismo lo dimostrano. Ignorarli significherebbe esser ciechi, non sei d’accordo? Un’ultima cosa: se proprio non vuoi parlare di fascismo e comunismo, allora pensa alla massoneria, alla P2. Fatti i conti di quanti ex pidduisti sono al Governo e poi confrontane i programmi politici. Vedrai che non sono poi cadaveri così putrefatti.

    Emilio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...