Emergenza rifiuti: Prodi sblocca il Cip6

Pubblicato: febbraio 1, 2008 in Politica
Tag:, , ,
Rifiuti in Campania

A2A, Veolia e l’80% – la percentuale di struttura costruita del termovalorizzatore di Acerra -, sono i tre elementi principali che vorrebbero risolvere la crisi campana dei rifiuti. Fino a ieri ce n’era anche un altro, dal nome strano e quasi fantasioso (se non fosse che si tratta di soldi), Cip 6, un sovvenzionamento dal nome vagamente disneyano, varato nel 1992 e abolito (per i rifiuti) nel 2008, a favore delle strutture alimentate da fonti rinnovabili. Oggi Prodi ha deciso di sbloccare il Cip 6 (nonostante le proteste dei Verdi), per far tornare sui propri passi proprio Veolia e A2A. Le due società si erano infatti ritirate per la mancanza di sovvenzionamenti, l’incertezza politica italiana e l’ostilità sociale nei confronti delle opere da costruire. Un altro punto interrogativo resta e riguarda i pagamenti: secondo il bando dovrebbero essere i singoli comuni a sostenere le spese per lo smaltimento dei rifiuti. Costo della gara: 4,5 miliardi di euro.

Vedremo se qualcosa cambierà.

E’ necessario poi rendersi conto che dire di no ai rifiuti e contemporaneamente anche alle strutture volte a smaltirli, non porta da nessuna parte. Di termovalorizzatori (o inceneritori che dir si voglia) è piena l’Italia e l’Europa. Da noi purtroppo esiste però una certa parte politica e mediatica che vive e sopravvive grazie alle battaglie del ‘no’ su tutto. No ai termovalorizzatori, no ai rifiuti, no ai rigassificatori. E così paghiamo a Francia, Russia ecc… prezzi esorbitanti per l’energia, mentre i rifiuti sono sempre lì.

EF

commenti
  1. Paolo Pegoraro scrive:

    «E’ necessario poi rendersi conto che dire di no ai rifiuti e contemporaneamente anche alle strutture volte a smaltirli, non porta da nessuna parte». Non sono d’accordo. Questo ci porta precisamente alle discariche abusive gestite dalla camorra.

  2. Roberto Coscione scrive:

    Non si tratta di dire NO a tutto.

    Si tratta di dire NO a discariche in posti geologicamente inadatti NO AD INUTILI E COSTOSI INCENERITORI.

    Sai cos’è la raccolta differenziata porta a porta? Sai cos’è il trattamento meccanico biologico? Conosci la semplicissima politica rifiuti zero di Paul Connett?

    Non diciamo fesserie a caso per piacere.

    Ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...