Kosovo: sine qua non.

Pubblicato: dicembre 12, 2007 in Politica
Tag:, , ,

Il prossimo confronto sul Kosovo si svolgerà il prossimo 19 dicembre e vedrà l’Italia nel ruolo di moderatrice delle parti – Unione Europea, Serbia, Russia.

Come prevedeva il piano di Martii Ahtisaari, l’UE sta preparando una bozza di proposta per un Kosovo sotto tutela europea: “l’Unione Europea è pronta a giocare un ruolo di primo piano per il rafforzamento della stabilità nella regione e la definizione di uno status futuro del Kosovo”, questa la dichiarazione rilasciata dai 27 Paesi dell’Europa, alla fine del congresso odierno. Il problema di fondo resta però l’ipotesi di come gestire un’ipotetica crisi e come rispondere all’intransigenza russa e serba. L’Europa da sola non può certo pensare di costituire un interlocutore forte e autoritario che possa mettere l’ultima parola sulla vicenda. Non ha uomini, non ha mezzi, non ha l’unità. O meglio, li potrebbe avere ma il percorso verso la concretezza è ancora lungo. La situazione non è rosea neanche nel Palazzo di Vetro dell’ONU.

Dal canto loro i kosovari sanno bene quanto sia preferibile una soluzione negoziale, piuttosto che non l’ennesima guerra e, come ha dichiarato il loro virtuale primo ministro, Hashim Thaci, sono disposti ad attendere fino a marzo 2008. Da oggi insomma, le porte dell’Europa verso la Serbia, sono più aperte.

EF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...