Elton Jhon: spegnete internet per 5 anni

Pubblicato: agosto 2, 2007 in Senza categoria
Tag:, ,

“Spegnete internet per cinque anni e restiamo a guardare di quale forma d’arte è ancora capace l’uomo. Internet rovina la gente” queste le parole di Elton Jhon che accusa apertamente i blog: le persone vivono ormai chiuse in casa a scrivere blog, dimenticandosi cosa voglia dire socializzare.

Che Elton Jhon ce l’abbia con internet è risaputo, basta andare a guardare quante cause ha intentato contro i siti che permettono agli utenti di scambiarsi file musicali, ma una proposta così azzardata non l’aveva mai fatta. Spegnere internet. Probabilmente non riusciremmo neanche a immaginare ormai un mondo senza il World Wide Web. La rete viene utilizzata praticamente dovunque ed è accessibile ormai quasi da qualsiasi luogo del pianeta. Abbiamo forse superato il punto di non ritorno? Di non ritorno a cosa poi? A un passato troglodita o a una sincerità e vicinanza di rapporti ormai perduta?
Elton Jhon ha ragione ma forse il punto non è tanto quello di spegnere internet, quanto di tornare a comunicare e riscoprire i rapporti umani. Non è colpa di un blog se le persone non si parlano ma della reciproca diffidenza e dell’incapacità ad accettarsi per quello che si è, fuori dal World Wide Web. Insomma, perché leggersi e comunicare via internet se poi, messe l’una di fronte all’altra, le persone non sanno più fidarsi reciprocamente? Forse che la rete dà l’illusoria convinzione che dall’altra parte dello schermo possa trovarsi una persona ideale, senza difetti né brufoli solo perché quando vi scrive non fa vedere né gli uni né gli altri? Questo è il limite di internet: abitua all’apparenza, non scende mai sotto la scorza della vita. Second Life non è un’invenzione tanto innovativa, da quando navighiamo in rete abbiamo sempre avuto una seconda vita, una versione di noi stessi senza difetti né brufoli. Nella realtà ci sono gli sguardi, i gesti, la mimica del viso, internet concede invece solo uno schermo e la possibilità di scrivere su una tastiera. L’approccio è immediato, o parli o non accade nulla. La descrizione ‘perfetta’ di sé è dunque più immediata, non uno sguardo a tradire un’indecisione o un’affermazione traballante. Tre le componenti: chi scrive, chi riceve e la fantasia di entrambi che ognuno esercita sull’altro – l’idealizzazione di ciò che non si conosce.

Spegnere internet per 5 anni. In qualsiasi caso potrebbe essere una proposta curiosa, anche solo per rendersi conto di quanto sia eternamente bello e valido parlarsi guardandosi negli occhi o scrivere non e-mail ma lettere su carta. Con tanto di calligrafia, sbuffi d’inchiostro e reciproche attese.

EF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...