2 agosto 1980: la strage di Bologna 27 anni dopo

Pubblicato: agosto 2, 2007 in Politica
Tag:, , , ,

 stazione_bologna1.jpg

Ore 10.24 di un sabato uguale a tanti altri nella sala d’aspetto della Stazione Centrale di Bologna. Nessuno immagina che allo scoccare del minuto successivo, su quel pavimento e su quei binari, ci saranno 85 morti e circa 200 feriti. E’ la strage della Stazione di Bologna. La detonazione, prodotta da una miscela di tritolo e T4, si ode in un raggio di molti chilometri e distrugge gran parte della stazione, investendo anche il treno Ancona-Chiasso in sosta sul primo binario.

Sono passati ormai 27 anni da quel tragico 2 agosto 1980 e ancora nulla è emerso sui mandanti della strage.
Nel 1995 (sentenza definitiva della Cassazione del 23 novembre) i neofascisti Valerio Fioravanti e Francesca Mambro sono stati condannati all’ergastolo quali autori materiali della strage, il processo dichiarò inoltre colpevoli di depistaggio anche alcuni ufficali del servizio sergeto militare, su tutti spiccava il nome di Licio Gelli, ex capo della loggia massonica P2. Nel 2000 un nuovo processo ha aggiunto altri nomi agli accusati per depistaggio, chiamando in causa un estremista di destra, un ex dirigente del SISMI e un delinquente comune.

Alle celebrazioni odierne hanno partecipato le autorità e gli esponenti dell’associazione Unione dei Familiari delle Vittime per Stragi, che dal 1983 riunisce tutti i parenti dei morti di Piazza Fontana, Piazza della Loggia e dell’ Italicus.  «All’interno del Parlamento ci sono amici dei terroristi che hanno grandi e potenti mezzi. In Italia in questo momento c’è un clima di estrema indulgenza nei confronti di chi ha commesso atti terroristici» ha attaccato Bolognesi, portavoce dell’associazione, «Assistiamo – ha continuato Bolognesi – ad un clima di estrema indulgenza nei confronti di personaggi come Scalzone, oggi in Italia grazie alla totale prescrizione dei suoi reati, Battisti, assassino latitante che secondo il senatore Russo Spena dovrebbe essere graziato, Renato Curcio, tra i fondatori delle Br che gira il Paese partecipando a conferenze cui attacca il 41bis, ovvero il carcere duro per i boss mafiosi, e Mario Tuti, pluriomicida anch’egli neoconferenziere invitato a Trieste in occasione del 25 aprile».

Fausto Bertinotti ha sottolineato come la strage di Bologna sia coperta da «un velo di opacità che alimenta una memoria colma di sofferenza». Dal palco Romano Prodi ha invitato a non dimenticare: «Bologna e l’Italia non si stancano di riempire questa piazza, non si stancano di ricordare, perché la memoria alimenta e rafforza la nostra democrazia» – non bisogna cercare vendetta ma verità, ha poi concluso il Presidente del Consiglio.

Di seguito i nomi delle vittime della strage:

  • Antonella Ceci, anni 19
  • Angela Marino, anni 23
  • Leo Luca Marino, anni 24
  • Domenica Marino, anni 26
  • Errica Frigerio In Diomede Fresa,
    anni 57
  • Vito Diomede Fresa, anni 62
  • Cesare Francesco Diomede
    Fresa, anni 14
  • Anna Maria Bosio In Mauri,
    anni 28
  • Carlo Mauri, anni 32
  • Luca Mauri, anni 6
  • Eckhardt Mader, anni 14
  • Margret Rohrs In Mader,
    anni 39
  • Kai Mader, anni 8
  • Sonia Burri, anni 7
  • Patrizia Messineo, anni 18
  • Silvana Serravalli In Barbera,
    anni 34
  • Manuela Gallon, anni 11
  • Natalia Agostini In Gallon, anni 40
  • Marina Antonella Trolese, anni 16
  • Anna Maria Salvagnini In Trolese,
    anni 51
  • Roberto De Marchi, anni 21
  • Elisabetta Manea Ved. De Marchi,
    anni 60
  • Eleonora Geraci In Vaccaro,
    anni 46
  • Vittorio Vaccaro, anni 24
  • Velia Carli In Lauro, anni 50
  • Salvatore Lauro, anni 57
  • Paolo Zecchi, anni 23
  • Viviana Bugamelli In Zecchi,
    anni 23
  • Catherine Helen Mitchell,
    anni 22
  • John Andrew Kolpinski,
    anni 22
  • Angela Fresu, anni 3
  • Maria Fresu, anni 24
  • Loredana Molina In Sacrati,
    anni 44
  • Angelica Tarsi, anni 72
  • Katia Bertasi, anni 34
  • Mirella Fornasari, anni 36
  • Euridia Bergianti, anni 49
  • Nilla Natali, anni 25
  • Franca Dall’olio, anni 20
  • Rita Verde, anni 23
  • Flavia Casadei, anni 18
  • Giuseppe Patruno, anni 18
  • Rossella Marceddu, anni 19
  • Davide Caprioli, anni 20
  • Vito Ales, anni 20
  • Iwao Sekiguchi, anni 20
  • Brigitte Drouhard, anni 21
  • Roberto Procelli, anni 21
  • Mauro Alganon, anni 22
  • Maria Angela Marangon,
    anni 22
  • Verdiana Bivona, anni 22
  • Francesco Gomez Martinez,
    anni 23
  • Mauro Di Vittorio, anni 24
  • Sergio Secci, anni 24
  • Roberto Gaiola, anni 25
  • Angelo Priore, anni 26
  • Onofrio Zappala’, anni 27
  • Pio Carmine Remollino,
    anni 31
  • Gaetano Roda, anni 31
  • Antonino Di Paola, anni 32
  • Mirco Castellaro, anni 33
  • Nazzareno Basso, anni 33
  • Vincenzo Petteni, anni 34
  • Salvatore Seminara, anni 34
  • Carla Gozzi, anni 36
  • Umberto Lugli, anni 38
  • Fausto Venturi, anni 38
  • Argeo Bonora, anni 42
  • Francesco Betti, anni 44
  • Mario Sica, anni 44
  • Pier Francesco Laurenti,
    anni 44
  • Paolino Bianchi, anni 50
  • Vincenzina Sala In Zanetti,
    anni 50
  • Berta Ebner, anni 50
  • Vincenzo Lanconelli, anni 51
  • Lina Ferretti In Mannocci,
    anni 53
  • Romeo Ruozi, anni 54
  • Amorveno Marzagalli, anni 54
  • Antonio Francesco Lascala,
    anni 56
  • Rosina Barbaro In Montani,
    anni 58
  • Irene Breton In Boudouban,
    anni 61
  • Pietro Galassi, anni 66
  • Lidia Olla In Cardillo,
    anni 67
  • Maria Idria Avati, anni 80
  • Antonio Montanari, anni 86

EF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...