La strage del Mediterraneo: a giugno 210 morti negli sbarchi clandestini.

Pubblicato: luglio 4, 2007 in Politica
Tag:, , ,

clandestini_2.jpg 

Dal primo al 29 giugno sono state 210 le vittime degli sbarchi clandestini nel solo Canale di Sicilia, per la precisione si sono recuperati 77 cadaveri mentre 133 restano i dispersi. Come sottolinea oggi Giuseppe Matarazzo su l’Avvenire, l’emergenza non è solo italiana ma coinvolge tutta l’Europa. Malta, ad esempio, nel primo semestre del 2007, ha visto sbarcare sulle proprie coste circa 700 persone, un numero quattro volte superiore a quello registrato lo scorso anno nello stesso periodo. Quasi ogni giorno nel Mediterraneo si consuma una strage silenziosa di miseria e disperazione. Ma Bruxelles non ci sta. Laura Boldrini, Alto Commissario ONU per i Rifugiati, mette in evidenza ‘il rischio  che davvero il Mediterraneo diventi un far west dove la vita non ha più un senso’ e continua sottolineando il vero punto dolente su cui tutti i governi dovrebbero lavorare, non solo sul pattugliamento stretto delle proprie coste, ma sulle ‘cause che spingono a scappare: la miseria, la violazione dei diritti umani. E’ lì che si dovrebbe trovare l’antidoto’.

 EF

commenti
  1. alain scrive:

    povero mediterrano…fossa comune e pattumiera…per la seconda guardate qui….
    http://www.legambiente.com/documenti/2007/0615_golettaVerde2007/index.p
    sono senza parole…

  2. gente Senza Pregiudizi scrive:

    Concordo: la cosa schifosa e’ che al di la’ di un (relativamente) piccolo mare come il Mediterraneo, appena dietro all’orizzonte, ci sia una disperazione tale da spingere delle persone ad imbarcarsi in viaggi terrificanti, consapevoli del rischio di non arrivare, consapevoli che una volta arrivati saranno clandestini, braccati e senza diritti, consapevoli che a casa lasciano la famiglia in attesa dei primi soldi che riusciranno ad inviare.
    Sono situazioni che sembrano uscire dalla fiction o da racconti d’altri tempi, invece sono la quotidianita’ in africa, nell’est europeo, in ampie zone dell’asia e del sudamerica. Praticamente se guardiamo un mappamondo siamo su un isola felice in un oceano di disperazione.
    Eppure tra noi c’e’ ancora gente che ha il coraggio (o la sconsideratezza) di dire “Dovrebbero starsene a casa loro!”, anziche’ prendersela con i nostri politici che con un minimo di sacrifici (anche se sembra di bestemmiare, parlando di sacrifici in un ambito di sprechi inimmaginabili) potrebbero dirottare, senza alcun ulteriore aggravio per le nostre tasche, milioni di euro in quei Paesi dando sollievo, creando opportunita’ di crescita sociale ed economica, e risolvendo almeno in parte il problema all’origine (se la’ si stesse meglio, la gente non si metterebbe su un gommone per venire in Italia!). E personalmente preferirei sapere che parte delle nostre tasse va a sfamare povera gente invece che a pagare la benzina per le autoblu’ dei nostri politici.
    Saluti🙂

  3. Sono d’accordo con gente senza pregiudizi. Non sono solo indignata ma la rabbia per l’ndifferenza e la crudeltà di tante gente che CREDE in Dio, certamente fatto da loro a loro immagine. non vedono e non sentono le grida di chi muore a vent’anni!Stiamo lottando per toglire la pena di morte nei paesi del mondo e da noi, governo politici e pseudo cristiani, condannano a morte migliaia di innocenti che lottano solo per un pezzo di pane! Vergogna,veramente vergogna per questa italianetta fatta di leghe e beghe e di ladroni!
    Saluti.

  4. Dar voce a chi non ha voce é una mia mostra fotografica che si terrà a Vibo Valentia nella Biblioteca Comunale. Verrà visitata dai ragazzi delle scuole. Vorrei dare anche Voce a chi oramai VIVE in fondo al mare portati a morire da gente senza scrupoli. Trattati come bestie, nel silenzio dei nostri politici che dovrebbero intervenire velocemente e dare un esempio di umiltà abbassandosi le paghe milionarie e cercare un rimedio affinchè questi denari vadinio a creare lavoro dove queste persone vivono. Distribuire le ricchezze di un mondo che si accartoccia sempre più su se stesso, per egoismi. Pensare che la vita è breve, basterà solo un pezzetto di terra dove andremo a finire tutti e i danari marciranno inutilmente!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...