Brevi: Olimpiadi 2008, tra schiavitù, censure e autostrade

Pubblicato: giugno 21, 2007 in Politica
Tag:, , , , , , ,

logo_olimpiadi_pechino2008.gif

Le Olimpiadi 2008 in Cina fanno miracoli: il governo si è sorprendentemente accorto del regime di schiavitù cui sono costretti i bambini. Si sono ‘svegliati’ i sindacati, la magistratura ha aperto un’inchiesta (sebbene siano state emanate circolari che invitano a non pubblicare forum su internet con discussioni in merito), sono stati effettuati i primi arresti. Non c’è che dire, le Olimpiadi in Cina fanno miracoli.

Sotto la lente delle autorità sono le province di Shanxi ed Hegan, come se nel resto del paese il probelma della schiavitù minorile non esistesse. Schiavitù in senso stretto, tant’è che i padri hanno definito quello dei loro figli (circa 2000) un vero e proprio ‘sequestro’.

Come risultato della crescente attenzione mondiale sulla Cina, in vista dei giochi olimpici del 2008, sono state più di 750 le ispezioni in atrettante fornaci, eseguite il 13 giugno da oltre 35 mila agenti (dichiarazione dell’agenzia stampa ufficiale Xinhua). Improvvisamente il paese si accorge delle atroci condizioni di vita dei propri lavoratori.

Le Olimpiadi fanno miracoli anche a livello ‘strutturale’. Il governo cinese ha in progetto di costruire un’autostrada proprio sull’Everest. Sempre l’agenzia stampa Xinhua afferma che ‘l’autostrada costerà circa 20 milioni di dollari e si snoderà per più di 100 chilometri, dai piedi della montagna fino al punto da cui partono la gran parte delle spedizioni alpinistiche alla conquista della vetta dell’Everest. Il tutto affinché la fiaccola olimpionica […] possa arrivare a toccare la vetta, a oltre 8 mila metri’ (fonte: Peacereporter).  E’ evidente che il percorso di asfalto e guard rail passerà anche nella Provincia Autonoma del Tibet (invaso da Pechino nel 1951), dove ogni forma di protesta popolare viene però puntualmente repressa dal governo cinese.

EF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...